Il progetto è stato finanziato dall‘ Unione Europea, con una spesa complessiva di circa un milione e trecento mila euro. I lavori sono iniziati nel 2014, e terminati l’anno seguente. L’impianto prende forma verso la zona del monte Pozzillo, una delle aree più alte di Palma, con due grossi canaloni che continuano il loro percorso sotto il fondo stradale e con lo scopo di raccogliere l’acqua piovana. Ad un certo punto la struttura si interrompe, lasciando in balia degli allagamenti metà popolazione. Oltre a questo, ciò che è stato costruito è si funzionante, ma mantenuto senza la giusta cura e i giusti controlli, creando quindi una situazione poco funzionante.